In piazza contro il cemento

desenzano resiste 13 febbraio 2011

Prima hanno eretto un muro di cartone, poi lo hanno demolito. Lo ha fatto stamane il comitato Desenzano Resiste “Per sensibilizzare la cittadinanza – come si legge in una nota stampa – e dimostrare che esiste un’ampia opinione pubblica contraria a questi scempi assurdi e far sì che questo dissenso serva come forte presisone sull’amministrazione comune affinché cambi idea e renda vivibile la nostra città anziché distruggerla”.

I promotori lamentano “altri 116.000 metri cubi di castestruzzo equivalenti a 550 nuovi appartamenti (82.000 metri quadrati alle Grezze e 76.500 metri quadrati a Rivoltella in località Tassere). Cemento in cambio di cemento oltretutto perché come contro partita l’amministrazione di centrodestra vuole realizzare una scuola alle Grezze (incompleta ed insufficiente) in una zona pregiata sotto tutela ambientale e riversare una valanga di calcestruzzo sull’acqua per fare un faraonico ed assurdo lungolago. Sarebbero 550 nuovi appartamenti che, oltre a devastare il nostro territorio, si aggiungono a centinaia e centinaia di casa vuote e sfitte sotto gli occhi di tutti”

Il gruppo – che si definisce spontaneo e indipendente – è formato da “persone di diversa appartenza politica che amano profondamente la loro città, le sue campagne, le sue colline, il suo lago: luoghi meravigliosi ammirati da tutto il mondo. Lo amano al punto da aver deciso che era arrivata l’ora di fare qualcosa per fermare l’ondata di cemento che sta per essere versata da questa amministrazione comunale”. E stamane lo ha fatto con un sit-in informativo in Piazza Malvezzi.

Leave a Comment

Powered by WordPress | Deadline Theme : An AWESEM design