Un registro elettronico per il Liceo Bagatta

Anche il liceo Bagatta di Desenzano si è dotato di registro elettronico, questa meraviglia del progresso offre molti spunti di riflessione, primo fra tutti: è così che si ammoderna il sistema scolastico?
L’anno scorso i genitori degli iscritti alle classi prime del Liceo sono stati convocati per venire informati della necessità che 28 iscritti cambiassero orientamento causa esubero degli iscritti. Gli iscritti erano 28 ragazzi di 14 anni si sono trovati dopo un percorso di scelta e orientamento a dover cambiare indirizzo o scuola, o entrambi, perché al Bagatta sarebbero stati esuberanti, è bastato poco per uccidere l’entusiasmo della scelta del liceo.
Non c’è divergenza tra strumentazione tecnologica a disposizione dell’istruzione pubblica e gestione della stessa? L’esempio che ho portato è stato un caso specifico, in tutta Italia però si sta spingendo, e si stanno investendo risorse, verso l’informatizzazione dei registri. Ho come l’impressione che sia soltanto un piccolo lifting all’istruzione pubblica, che vede problemi strutturali, non ancora risolti, ulcerati dai tagli di Tremonti e Gelmini.
Quando ci saranno meno alunni per classe, e non da 27 in su come prevedono i tagli, quando si adeguerà la percentuale di PIL investito nell’istruzione alla media OCSE, quando si abbasserà l’età media dei docenti, quando si aumenteranno le ore di lezione che i tagli hanno ridotto, allora e solo allora potrò dire “Oh che bello, il mio ex liceo ha il registro elettronico!”.

Vlad

Leave a Comment

Powered by WordPress | Deadline Theme : An AWESEM design