Speciale elezioni Moniga

Candidato sindaco: LORELLA LAVO

Si può dire che Lorella Lavo parta favorita nei pronostici, come buona parte dei sindaci uscenti, grazie agli effetti anche ‘visivi’ del lavoro della sua amministrazione. Di fatto la lista Moniga Insieme è l’unica a non aver avuto dubbi fin dall’inizio, e si prepara alla possibile rielezione con l’obiettivo di continuare quello già cominciato, tra cui la proposta di un PGT a crescita zero. “Il cambio di tendenza nel consumo e lo stop all’edificazione – ha dichiarato al Corriere del Garda – sono il nostro biglietto da visita”. Nei cinque anni appena trascorsi l’amministrazione si è impegnata nel “dare un’immagine diversa al paese”, con opere di riqualificazione e di sistemazione, oltre al completo rinnovamento della piazza e della passeggiata a lago. “Credo sia il momento – conclude – di aiutare il turismo anche in altro modo, valorizzando il commercio e i prodotti tipici, in modo da permettere alle tante attività di lavorare lungo tutto il corso dell’anno”. Due parole anche su Italia in Rosa che, nonostante i puristi abbiano storto il naso perché ha sostituito la storica Festa del Chiaretto, ha permesso di “portare Moniga fuori dai suoi confini. Un successo dell’amministrazione”.

Candidato sindaco: PATRIZIA AVIGO

La lista civica Per Moniga si pone come outsider elettorale, libero da vincoli partitici ma ricco di aspettative politiche, alla ricerca di adeguate soluzioni alle problematiche amministrative del nostro territorio. Il nome di Patrizia Avigo, che ha acquisito negli anni una “preziosa esperienza” e gode dunque di un’affermata visibilità in tutto il territorio, è sempre stato al centro del progetto portato avanti con impegno e costanza dai componenti più attivi della lista civica. “Il gruppo Per Moniga – si legge nel comunicato ufficiale – ha raccolto alcune richieste di cittadini che sollecitavano una ricongiunzione dei gruppi di opposizione presenti in Consiglio Comunale”, ma la possibilità di formare una lista unitaria in grado di fronteggiare la proposta elettorale dell’amministrazione uscente è stata preclusa da una “rigidità di posizione da parte di Lega e Pdl, i quali hanno posto veti inaccettabili sui nomi dei candidati da inserire”. Patrizia Avigo mette al servizio del paese la sua esperienza e la sua ponderatezza, mentre i suoi collaboratori sanno bene come affrontare i veri problemi del territorio, dall’edilizia al turismo, uniti da un importante intento comune: “Porre il meglio dell’esperienza di ciascuno al servizio della collettività”.

Candidato sindaco: MAURO TURRINA

La scelta di Mauro Turrina è figlia di un decisivo accordo politico e di programma tra le forze della Lega Nord, del Partito della Libertà e del gruppo indipendente che alle ultime elezioni ha portato avanti la candidatura di Massimo Pollini. Mauro Turrina si prepara alle elezioni del 15 e 16 maggio con la convinzione di poter offrire qualcosa di nuovo al piccolo paese gardesano: “Sono convinto di poter portare a Moniga un’esperienza alternativa, con un progetto mirato al rinnovamento del paese e della qualità della vita di tutti”. Una candidatura forte nonostante le difficoltà nell’arrivare a una scelta condivisa da tutte le componenti attive nell’accordo. Ne è convinto anche Roberto Poda, responsabile Lega Nord della Valtenesi: “Questa scelta è stata concordata prendendo in considerazione le spiccate capacità professionali, l’umiltà e la serietà che contraddistinguono il candidato”. Mauro Turrina è attualmente dirigente d’azienda nel gruppo Leali, attivo nel settore turistico della zona con il progetto Lefay Resort & Spa Lago di Garda. Obiettivi dichiarati amministrare con competenza e difendere Moniga dalla speculazione selvaggia che la minaccia.

a cura di Alessandro Gatta

Leave a Comment

Powered by WordPress | Deadline Theme : An AWESEM design