Le Rose del Risorgimento a teatro

Cristina Trivulzio di Belgioioso, Enrichetta di Lorenzo Pisacane, Virginia Oldoini Verasis, contessa di Castiglione, Anita Garibaldi e Jessie White Mario, furono figure di spicco del nostro Risorgimento: donne che da Nord a Sud d’Italia, dall’Inghilterra al Sud America, accanto ai loro uomini o semplicemente in prima persona, si impegnarono e lottarono per la causa dell’Unità d’Italia.

Accanto alle peculiarità di ciascuna, alla diversa estrazione sociale, ebbero in comune la volontà di affermare il loro diritto alla partecipazione alla vita sociale e politica in un momento fondamentale della nostra storia, ma lottarono anche, pagando di persona, per  il superamento delle convenzioni sociali del tempo, dai matrimoni imposti, alle monacazioni forzate, al ruolo assolutamente subalterno delle donne a quello maschile.

Su queste figure intende richiamare l’attenzione lo spettacolo teatrale “Le Rose del Risorgimento” ideato da Paola Giacometti, regista e attrice e Maria D’Arconte, consulente storica, presidenti rispettivamente dell’Associazione “Teatrouvaille” e dell’Associazione Culturale “Faro Tricolore”.

Lo spettacolo si propone una triplice finalità. Anzitutto fare emergere dall’anonimato della storia figure che hanno avuto un ruolo non marginale nella lotta per la costituzione dello stato unitario di cui quest’anno ricorre il 150° anniversario.

Intende sottolineare poi come queste donne, oltre che patriote, furono anche le antesignane dell’emancipazione femminile, che periodicamente va ribadita e riaffermata.

Infine, attraverso l’ambientazione in siti particolarmente significativi della memoria, lo spettacolo si propone di far rivivere e animare piazze, chiostri, palazzi del territorio bresciano e dell’Alto Mantovano, dell’area gardesana e delle Colline Moreniche, teatro e sfondo del passaggio della storia.

I costumi sono curati da Mara Bertoli, che già ha collaborato all’allestimento di numerose mostre incentrate sulla storia del costume risorgimentale e non.

Tre donne quindi anche le organizzatrici dello spettacolo, tutto al femminile, anche se emergono inevitabilmente le figure maschili che le protagoniste ebbero accanto.

Filo conduttore, la vicenda straordinaria della Contessa di Castiglione, affascinante e intrigante figura di donna che ha lasciato una traccia indelebile nella storia, non solo politica, ma anche del costume.

Non inferiore a lei, spiccano le altre. Cristina di Belgioioso, giornalista, scrittrice e prima imprenditrice della carta stampata. Jessie White, la Giovanna d’ Arco della storia italiana, che si prodigò come infermiera nella Spedizione dei Mille e ne fu cronista per i giornali inglesi, che soggiornò per lunghi periodi a Castiglione delle Stiviere, ospite della famiglia Sacchi.

Enrichetta di Lorenzo, la fedele compagna di Carlo Pisacane, che fu accanto al suo uomo fino alla tragica conclusione della Spedizione di Sapri, ma che fu con lui anche a Desenzano, dove a Carlo era stato affidato il comando di un corpo di Cacciatori dal governo provvisorio milanese durante la prima guerra d’Indipendenza.Per finire con Anita Garibaldi, il prototipo dell’eroina risorgimentale, l’eroina dei Due Mondi che adottò l’Italia come sua seconda patria e, dopo aver combattuto eroicamente accanto al marito nella difesa disperata della Repubblica Romana, finì la sua breve e intensa vicenda umana nella pineta di Ravenna.

Lo spettacolo avrà luogo con il seguente calendario:

24 giugno 2011 – ore 20 – alla Torre di San Martino della Battaglia (BS) ci sarà un cameo, una piccola anteprima dello spettacolo in occasione dell’anniversario della battaglia del 1859.

27 giugno 2011 – ore 21,30- Piazza Castello- Solferino (MN)

2 luglio 2011- ore 21,30- Giardino di Palazzo Pastore – Castiglione delle Stiviere (MN)

9 e 10 luglio 2011- ore 21,30- Chiostro di S. Salvatore in Santa Giulia- Brescia

16 luglio 2011 – ore 21,30- Anfiteatro di Villa Brunati – Desenzano del Garda (BS) (L’appuntamento è patrocinato dall’assessorato alla cultura del Comune presieduto da Emanuele Giustacchini, che ha anche contribuito economicamente, e dalla Commissione per le pari opportunità del Comune. In caso di maltempo lo spettacolo sarà rimandato al giorno successivo)

Maria D’Arconte

Leave a Comment

Powered by WordPress | Deadline Theme : An AWESEM design