Raccolta differenziata integrale: Padenghe prevede l’ampliamento della zona e l’informatizzazione dell’Isola ecologica, ora aperta anche la domenica

L’amministrazione comunale di Padenghe sul Garda è convinta che la raccolta differenziata rappresenti la risposta più logica al problema dei rifiuti e che questa scelta non abbia, al momento, concrete e praticabili alternative. Per incrementarla ha impegnato notevoli risorse economiche e messo in campo svariate iniziative: riunioni pubbliche, comunicazioni personalizzate, stampati illustrativi, calendari dedicati, manifesti e volantini, tutto con lo scopo di far crescere la coscienza civica e la volontà collaborativa dei cittadini.

Nella zona interessata (Centro Storico, Villaggio Perdoni e Castello) il risultato è confortante, anche se, come per tutte le cose, suscettibile di miglioramento; per questo è prossima l’estensione del servizio anche all’area compresa fra via Vighenzi e via Marconi, dove quindi tutti i cassonetti verranno eliminati e sostituiti dal kit di raccolta per abitazione (bidoncini per umido, vetro, alluminio, indifferenziato e sacchi per la plastica).

“L’iniziativa, unitamente all’apertura dell’Isola Ecologica anche la domenica (ore 16 – 19) ed al servizio personalizzato per condomini e multi utenze (Residence e Villaggi) – spiega Gianluigi Baronio assessore a ecologia e ambiente – ci fa ipotizzare un ulteriore miglioramento dei risultati. L’informatizzazione dell’Isola Ecologica, un investimento da 50.000 €, consentirà poi di individuare chi conferisce i rifiuti direttamente e, nei limiti del possibile, di premiare tale scelta responsabile. Vorremmo diventare un Comune di eccellenza nella differenziazione perché riteniamo che solo percorsi virtuosi ci possono salvare dall’incubo rifiuti. Il “bene comune” dovrebbe essere una motivazione gratificante e sufficiente ad indurre comportamenti corretti, purtroppo non è così. Spiace doverlo ammettere, ma, nonostante i ripetuti tentativi di persuasione bonaria, persiste sul nostro territorio una esigua minoranza che pretende di gestire il conferimento dei rifiuti in modo “anarchico”. Alla tolleranza  è quindi seguita l’adozione di strumenti idonei a reprimere le infrazioni più significative. Alcuni abusi sono già stati sanzionati e ci auguriamo, con la collaborazione di tutti, di ridurre ed azzerare le “cattive abitudini”. Ci vengono segnalati abbandoni di rifiuti addirittura a pochi metri dei cassonetti ed il dubbio sorge spontaneo: è semplice inciviltà o anche un gesto di sfida e di spregio? Sicuramente una mancanza di rispetto anche nei confronti degli Operatori Ecologici. Siamo certi tuttavia che insieme Cittadini, Amministrazione Comunale e Addetti alla raccolta, riusciremo a far prevalere il buon senso e ad ottenere, oltre ai vantaggi “morali ed ecologici”, anche quelli “materiali ed economici””.

Leave a Comment

Powered by WordPress | Deadline Theme : An AWESEM design