Appuntamenti d’autunno a Villa Brunati

Anche quest’anno tornano in Villa Brunati a Desenzano gli appuntamenti letterari d’autunno, i cui primi due sono proposti dal progetto Noi Musica insieme alla Consulta Giovani di Desenzano nell’ambito del cartellone culturale a cura dell’Assessorato alla Cultura del Comune e della Biblioteca civica.

Giovedì 20 ottobre ore 18.30: CLAUDIO GALLO, docente universitario e scrittore.

Il libro: “Emilio Salgari : la macchina dei sogni” (di Claudio Gallo e Giuseppe Bonomi; presentazione di Mino Milani, Edizioni Rizzoli, 2011, 488 pp.)

Salgari è stato uno degli autori di maggior successo tra Ottocento e Novecento, eppure sulla sua vicenda rimangono molte zone d’ombra, incastonate tra i luoghi comuni e lo stereotipo del genio sregolato. Questa biografia – condotta su materiale di prima mano e accompagnata da una bibliografia definitiva – ne ricostruisce in modo preciso la vicenda umana e professionale, sgombrando finalmente il campo da miti consolidati. Non raccoglieva nei porti notizie per le

proprie avventure: lettore accanito, lavorava soprattutto in biblioteca. Non è stato sfruttato ingenuamente: era consapevole, anzi, insoddisfatto del proprio successo. Grazie al lavoro di Bonomi e Gallo il lettore può rivivere la sua formazione; scoprirne l’iniziazione e l’arduo percorso tra giornalismo, teatro e narrativa; comprenderne i rapporti con gli editori, le discussioni, le polemiche e infine la grande affermazione; inquadrarne criticamente la figura, tra Scapigliatura e Positivismo. Aperitivo offerto dall’azienda agricola Brunello di Pozzolengo.

Giovedì 27 ottobre ore 18.30: BRUNO FESTA, scrittore e studioso del lago di Garda.

Il libro: “Pescatori del Garda bresciano” (la pubblicazione è sostenuta dall’Asar, Associazione storico archeologica della Riviera del Garda di Salò, e dall’Associazione culturale “Tanto per Cambiare” di Gargnano, con la partecipazione della Provincia di Brescia, 2011, 144 pp.).

Partecipano: alcuni pescatori del Garda.

Si tratta di un interessante volume fotografico, un approfondimento bresciano, sull’argomento della pesca lacustre del Novecento e agli inizi degli anni Duemila. La pubblicazione è stata resa possibile grazie anche al finanziamento della Provincia di Brescia – Assessorato all’associazionismo – e riporta un intervento introduttivo dell’assessore Aristide Peli. Sono 144 pagine e circa 200 fotografie (tutte in bianco e nero). Le immagini coprono il periodo tra il 1890 e il 2010, riproducendo luoghi e personaggi legati al mondo della pesca nei paesi tra Limone e Sirmione. Le pagine introduttive contengono richiami alla parlata dialettale bresciana, con riferimento particolare ai mezzi e al contesto lavorativo: reti, pesci, barche, venti, oltre ad alcune pagine che forniscono cenni storici relativi alla pesca sulla sponda bresciana del lago e al numero dei professionisti di questo mestiere che, quest’anno, sono 48, mentre una decina di anni orsono erano tre di più (fonte dati: Ufficio pesca Provincia di Brescia). Aperitivo offerto dall’azienda agricola Sgreva di Sirmione

 

Leave a Comment

Powered by WordPress | Deadline Theme : An AWESEM design