Desenzano, anche Roberto Vecchioni si schiera a difesa di spiaggia Feltrinelli

spiaggia Feltrinelli

Desenzano del Garda – Roberto Vecchioni è in prima linea nel comitato per salvare la spiaggia Feltrinelli. Il piccolo lido rischia di scomparire sommerso dal cemento di un nuovo lungolago da 7.500 mq previsto con il Piano Integrato delle Tassere, che probabilmente tornerà in consiglio per l’approvazione definitiva il 2 novembre.

Da mesi il comitato “Salviamo la spiaggia Feltrinelli“ si batte per evitare questa cementificazione e da qualche tempo alla loro pacifica battaglia si è unito un’altro comitato, “Difendiamo le rive dal Cemento” che vede impegnato in prima linea, proprio il cantautore che da anni vive e frequenta la cittadina. Fra le proposte avanzate da questo comitato, anche quella di limitare a un senso di marcia l’attuale lungolago per utilizzare una corsia come ciclabile o ampliamento della passeggiata.

«Il valore di Desenzano è sotto minaccia — dice il cantautore — e il progetto del lungolago che invade con il cemento le rive del lago ha dell’incredibile. Per me, milanese di nascita e gardesano d’adozione, il dispiacere è grande. Ma è anche grande la mia volontà di sostenere tutti coloro che, come il comitato, si sono ribellati a questo stato di cose. Ovvero alla maligna regola del fare senza pensare, che per Desenzano può rappresentare, a livello di ambiente, ma non solo, un pericoloso, quanto inutile, azzardo urbanistico senza possibilità di ripensamenti».
Per difendere le rive del lago ed evitare interventi poco rispettosi del contesto paesaggistico, il comitato, che si rivolgerà al difensore civico, chiede sia ridimensionamento un progetto «inutilmente invasivo», pensando a qualcosa più a misura d’uomo.

Quando a inizio luglio venne adottato il Piano alcuni cittadini membri di un altro comitato, “Desenzano resiste”, furono fatti sgomberare dall’aula per qualche applauso ironico di troppo in contestazione alla previsioni urbanistiche. Tra proposte alternative e pressioni dal basso ora la parola torna al consiglio comunale. A fine settembre la stessa maggioranza che sostiene il progetto aveva approvato una proposta di delibera della Lega che chiedeva la revisione del progetto da parte del’ufficio tecnico comunale. Il Pd sta percorrendo la strada del referendum, ma intanto nel prossimo ordine del giorno ci sarà anche la petizione con oltre 2mila firme raccolte dal comitato “Salviamo la spiaggia del Feltrinelli”.

Enrico Grazioli – Il Giorno, 22 ottobre 2011

Leave a Comment

Powered by WordPress | Deadline Theme : An AWESEM design