Il bilancio e le riflessioni del comandante Tosoni da gennaio alla guida della polizia locale di Lonato

Il comandante Patrizio Tosoni

Bilancio gennaio – agosto 2011.

I dati aggregano quelli dei Comuni di Lonato e Bedizzole: 7.500 persone identificate e controllate, 9 stranieri per i quali sono state avviate le procedure di espulsione, 133 notizie di reato (Arresti / Denuncie p.l. / Informative di P.G.), 78 incidenti stradali rilevati, 42 patenti ritirate, 6.250 violazioni al codice della strada, 113 sequestri/fermo veicoli, nessuno intervento su sinistri mortali.

Il comando lonatese porta avanti una serie di servizi e di interventi mirati al controllo del comprensorio e alla prevenzione di disagi, incidenti e danni alle persone e al patrimonio cittadino. Per il complesso sistema territoriale, l’attività viene tutt’oggi svolta a livello intercomunale, congiuntamente al Comando di Bedizzole.

In particolare, sul territorio lonatese si intensificano i servizi di pattugliamento nelle ore serali e notturne, aumentano le attività di educazione alla legalità e di dialogo con i giovani e, in concomitanza di manifestazioni cittadine, sagre e feste di quartiere, anche il gruppo della Protezione civile è sempre più coinvolto. Prosegue inoltre l’importante contributo in forze degli Alpini, dell’Associazione nazionale dei Carabinieri e dei Nonni-vigile. La polizia locale di Lonato e di Bedizzole conta in tutto 17 unità (11 agenti, tra cui il vice comandante, un ufficiale e due sottufficiali, a Lonato e 6 a Bedizzole, tra cui il vice comandante e un sottufficiale), più il comandante Patrizio Tosoni.

SUL TERRITORIO. Dall’inizio dell’anno, si è passati da una pattuglia in uscita serale o notturna, a quattro o cinque uscite settimanali. «La mia intenzione è di puntare su una sempre maggiore attività di controllo del territorio comunale, attraverso l’impiego di più pattuglie nella fascia diurna, ma soprattutto nelle ore serali e notturne». Oltre all’installazione, ormai terminata, dei 12 speed-check (colonnine blu) per il controllo della velocità, a Lonato la maggiore sicurezza per la popolazione passa anche attraverso un più intenso controllo del comprensorio lonatese, che si estende per circa 70 kmq. «Abbiamo aumentato e modificato in modo sostanziale – aggiunge il commissario aggiunto Tosoni – i controlli su strada da parte della Polizia locale in diversi punti del comune, cercando di lavorare su determinate zone “critiche”, grazie anche alle segnalazioni dei cittadini e dei rappresentanti di quartiere».

CON I GIOVANI. «Sono stati garantiti gli ormai consueti corsi di educazione stradale, con la presenza dei nostri agenti in aula, per i ragazzi dalle elementari alle superiori». Per quanto riguarda invece l’educazione alla legalità, continua il comandante, «non abbiamo ancora avviato corsi specifici, ma il progetto è in fase di sviluppo. Abbiamo però realizzato la prima e importantissima attività di avvicinamento dei ragazzi in strada, per conoscere le compagnie di giovani che si ritrovano nei parchi cittadini. Questo per superare, dialogando, quel muro che separa i ragazzi dalle istituzioni. Il nostro obiettivo è creare le basi per avvicinare i giovani alla Polizia locale, affinché la vedano come un organismo con cui rapportarsi e di cui fidarsi. Il che ci consentirà, a lungo termine, di garantire ulteriore sicurezza alla popolazione, prevenire disagi e situazioni limite».

L’ATTIVITÀ OPERATIVA. Di recente le amministrazioni comunali di Lonato e di Bedizzole hanno sostenuto alcuni investimenti per aggiornare e potenziare l’impianto di videosorveglianza, che in futuro sarà ampliato. «Una serie di servizi coordinati di controllo del territorio, di luoghi, persone e veicoli, sono stati effettuati in collaborazione tra i due comandi, per la prevenzione stragi del sabato sera e per il contrasto a fenomeni di micro-criminalità. Se continuerà il rapporto di collaborazione intercomunale tra Bedizzole e Lonato del Garda, «l’idea è di creare un paio di nuclei specializzati, con risorse umane dedicate, per l’osservazione e la segnalazione di determinate necessità territoriali, negli ambiti della polizia ambientale ed edilizia e della polizia giudiziaria».

Leave a Comment

Powered by WordPress | Deadline Theme : An AWESEM design