L’UDC di Desenzano organizza un convegno su sviluppo e lavoro nella vocazione turistica del Garda.

Luigi Cavalieri, segretario dell'UDC di Desenzano

In vista delle elezioni amministrative l’Udc di Desenzano sta focalizzando l’attenzione su quelle tematiche che stanno più a cuore ai cittadini. Dopo il convegno su sviluppo urbanistico e salvaguardia ambientale, lunedì 10 all’auditorium dell’oratorio Giovanni XIII in piazza Garibaldi si parlerà di “Sviluppo e lavoro nella vocazione turistica del Garda”.

“Saranno gli stessi rappresentanti delle categorie imprenditoriali (albergatori, artigiani, industriali e commercianti) – spiega il segretario locale Luigi Cavalieri – a sollevare le questioni sul tema”.

Interverranno il presidente del Consorzio Albergatori Desenzano Vittorio Cerini, il presidente di Confartigianato Brescia Eugenio Massetti, l’imprenditore Renzo Scamperle e il direttore Confesercenti Brescia Alessio Merigo. Dopo le parole dell’on. Savino Pezzotta, coordinatore regionale dell’UDC, a tirare le conclusioni del confronto sarà il capogruppo in consiglio regionale Gianmarco Quadrini.

Il 24, invece, a Palazzo Todeschini in piazza Malvezzi si parlerà di “Sanità Gardesana – Realtà e prospettive” con i attori principali del sistema sanitario bresciano.

“Il momento è delicato – spiega Cavalieri – per la necessità da un lato di contrarre la spesa sanitaria, in Regione impegna circa l’80% del bilancio, e dall’altro di continuare ad offrire ai cittadini quel sistema sanitario efficace ed efficiente al punto che la Lombardia viene indicata come modello da imitare. Il taglio dei finanziamenti statali non aiuta chi deve operare, per cui sentiremo come nel quadro di prospettiva ci si intende muovere”.

Il partito intanto sta lavorando a un programma elettorale, ma “i desenzanesi non si aspettino un libro dei sogni”, perché tra tagli e Patto di Stabilità si dovranno individuare priorità compatibili con bilancio e finanziamenti.

3 Comments

  1. Sul prossimo numero racconteremo anche di questo incontro.

    Rispondi
  2. Sugel scrive:

    Il sultano ordino unaltra spedizione contro gli Albanesi parti quindi con un altro esercito ma Scanderbeg ne usci anche questa volta vittorioso guadagnando cosi i titoli di difensore impavido della civilta occidentale e atleta di Cristo ottenuti dal ..Murad II non si rassegno dispose agli ordini di due eserciti per un complessivo di 25.000 uomini di cui ben la meta cavalieri che si scontrarono con gli Albanesi lesito fu disastroso per i turchi si salvarono solo pochi Turchi ed a stento Mustafa Pascia stesso.

    Rispondi

Leave a Comment

Powered by WordPress | Deadline Theme : An AWESEM design