Etica e finanza con Enzo Mucchetti a Puegnago

nyse_col_full-500x333

Venerdì 11 novembre alle ore 21.00, a ingresso è libero gratuito, la sala consiliare del Comune di Puegnago del Garda ( P.zza Don Baldo) ospiterà il Vice Direttore del Corriere della Sera Massimo Mucchetti. Il giornalista economico affronterà il tema “Etica e Finanza Oggi” di cui segue un breve abstract.

Negli ultimi 20-30 anni si è consumata una separazione tra etica e finanza. Si è  detto: chi mette assieme etica e finanza è un ipocrita che usa la morale per giustificare posizioni di potere che, se fossero valutate solo sui risultati, non reggerebbero. Per quanti esempi si possano addurre a sostegno di questo assunto, e a Brescia non mancherebbero basti pensare alla storia della Banca San Paolo, la dissoluzione del rapporto tra etica e finanza fa male alla maggioranza delle persone perché porta al più generale divorzio tra etica ed economia, tra etica e politica.

L’idea che gli operatori economici – dall’imprenditore all’operaio, dal banchiere al pubblico funzionario – debbano solo perseguire il proprio interesse nel rispetto della legge e della pur doverosa trasparenza ha generato i mostri della deregulation e della debt economy, con l’appropriazione di quote crescenti di ricchezza da parte della vetta della piramide sociale.

Senza un’etica, l’economia di mercato assorbe la legge e perde il senso del suo limite. Un fenomeno questo che emerge nella sempre più pervasiva sostituzione del contratto alla legge laddove il contratto è la composizione degli interessi sulla base dei rapporti di forza tra le parti e la legge è la cristallizzazione normativa delle decisioni della politica.

Ma in che cosa consiste una moderna etica nell’economia? Consiste nell’ideale di giustizia come movimento verso la tendenziale eguaglianza delle opportunità di costruirsi una vita il più possibile vicina al proprio sentire. A questo scopo la riduzione delle disguglianze (che non vuol dire salari uguali per tutti) pone le basi per uno sviluppo più equilibrato e sostenibile dell’economia. Dove i consumi (e in questi vanno ricomprese anche la formazione e la cultura)  si finanzino prevalentemente con il reddito e non con il debito.

L’incontro viene promosso dalla Associazione “Viva Valtenesi”, con il Patrocinio dell’Unione dei Comuni della Valtenesi e il sostegno della BCC Banca di Bedizzole, Turano e Valvestino.

VivaValtenesi è un’associazione senza fini di lucro che intende promuovere una tutela attiva delle risorse e delle comunità del Lago di Garda a partire dai sette comuni adagiati sulla costa bresciana tra Desenzano e Salò. Ha sede a San Felice del Benaco e ha organizzato nel 2010 numerosi incontri e attività volti alla sensibilizzazione delle comunità locali sul valore delle risorse del territorio e l’esigenza di tutelarle in modo attivo. Per ulteriori informazioni:  Roberto Basso: 335 5775311 _ roberto@robertobasso.it

Leave a Comment

Powered by WordPress | Deadline Theme : An AWESEM design