Scamperle (Desenzano Civica): riqualificare la fascia a lago dal Plis a Sirmione, coinvolgendo i cittadini

Il lungolago Cesare Battisti: un approvato Piano Integrato d'Intevento prevede una nuova passeggiata a lago di 8.600 mq

Renzo Scamperle, candidato sindaco per Desenzano Civica

Il Candidato Sindaco di “Desenzano Civica” Renzo Scamperle propone un abbassamento dei toni per favorire scelte dedicate al futuro dei desenzanesi, pensando a una riqualificazione funzionale di tutta la fascia a lago, dal Plis del Montecorno fino ai confini di Sirmione, evitando l’improvvisazione, sfruttando le opportunità economiche già definite e proponendo un concorso di idee progettuali a livello europeo.
La voce Lungolago a Desenzano quindi dovrebbe invitare al silenzio e aprire al ragionamento per una lungimiranza progettuale, concretamente e unitariamente costruttiva, dedicata al futuro dei desenzanesi con una proposta d’intenti precisa da valutare: con “Lungolago” si dovrebbe pensare a una razionale, articolata, accogliente e condivisa cornice di collegamento tra Plis, Monte Corno, punta del Vò e Madonna della Villa, fino ai confini di Sirmione. “Da qui – dice Scamperle – vorremmo ripartire, magari con lo stimolo creativo del concorso pubblico di idee esteso a livello europeo”.
“I pareri e le chiacchiere sulla riqualificazione del Lungolago di Desenzano, favorevoli e contrarie, favoriscono oggi la noia, in quanto inutili e sicuramente non edificanti. La soluzione attuale non propone, né idee, né coordinamento alcuno, con eventuali prossimi e passati interventi. Insomma si continua a cavalcare l’onda dell’improvvisazione”.

Il lungolago Cesare Battisti: un approvato Piano Integrato d'Intevento prevede una nuova passeggiata a lago di 8.600 mq

“Le scelte di oggi – dice Scamperle – possono essere solo definite una legittima proposta, senza rappresentare una soluzione di respiro e qualità utile al futuro di una città come Desenzano che necessita di ben altro: di un punto a forte immagine evolutiva e qualificante, di un colloquio favorevolmente interattivo tra lago e città. E allora perché non pensare ad un vero progetto che valuti il collegamento tra il Plis, il Monte Corno, la località punta del Vò e la Madonna della Villa fino ai confini di Sirmione? Penetrando, interessando e riqualificando la viabilità parallela del centro abitato; inserendo, tra giardini, vie e piazze esistenti, l’allestimento funzionale di nuovi spazi organizzati, a cominciare da quello improntato a ospitale salotto dedicato agli eventi culturali. E sarebbe anche occasione per riflettere su un’area polivalente che favorisca occasioni d’incontro tra lago e cittadini”.
Il risultato sarebbe un unico propositivo progetto da sviluppare anche con tempi diversi, secondo disponibilità economiche, escludendo i piccoli e insignificanti interessi di parte, a beneficio di quelli fondamentali della comunità. L’invito di Scamperle al silenzio e alla riflessione è dunque utile alla realizzazione condivisa, con scadenze brevi, sfruttando le opportunità economiche già definite e convenzionate, ma con il coinvolgimento diretto dei cittadini desenzanesi, che potranno in questo modo capire, valutare e sostenere, diventando registi ed attori di un nuovo modo di concepire il bene pubbli

co.

Leave a Comment

Powered by WordPress | Deadline Theme : An AWESEM design