Venerdì 2 e sabato 3 il Vittoriale omaggia d’Annunzio: convegno sulla lingua italiana e nuovi carteggi

xp080515102142

Dopo il Progetto Gioconda in collaborazione con i RIS e l’Università di Cagliari, di cui il mese scorso a Roma sono stati presentati alla stampa i rivoluzionari risultati nello studio dei manoscritti tramite le più moderne tecnologie investigative, al Vittoriale si torna a rendere omaggio al Vate, nel 74esimo anniversario della morte.

Si inizia venerdì 2 marzo alle ore 9.00 con la giornata di studiPer una politica della lingua”, pensata e proposta dall’onorevole Paola Frassinetti, promotrice di una legge per la salvaguardia dell’italiano, il professor Lucio D’Arcangelo e dal presidente del Vittoriale Giordano Bruno Guerri, che apriranno la tavola rotonda per discutere di un’auspicata coscienza politica della lingua e di una politica linguistica.

La nostra è diventata una lingua di massa, fragile nella grammatica, minacciata dall’inglese dilagante, mutata fin nella sintassi dal linguaggio tachigrafico degli sms e dal gergo internautico. Per difenderla occorre un progetto pilota di cui soltanto un organo governativo può farsi carico, in un dialogo costruttivo tra politica e cultura. “E’ una tematica quanto mai attuale – commenta Giordano Bruno Guerri – di cui è giusto parlare nella dimora del Vate, che cesellò versi sapienti ma fu anche uomo di lettere sempre all’avanguardia e seppe difendere l’italiano facendone il sigillo di un’identità nazionale”. E’ a lui che dobbiamo tante locuzioni entrate ormai nel nostro lessico familiare; è grazie a d’Annunzio se oggi parliamo di “beni culturali”, se sappiamo che la parola automobile è di genere femminile e se disponiamo di un termine, “tramezzino”, che ci difenda dalla barbara invasione del sandwich e dell’inglese.

Oltre ai tre ideatori, al convegno parteciperanno Giorgio Zanetti, Massimo Arcangeli,Carla Marcato, Barbara Turchetta,Claudio Giovanardi,Osvaldo Duilio Rossi,Michele Cortelazzo, Renato Befana,Francesco Lucioli.

La dolcezza dell’amicizia” verrà celebrata invece sabato 3 marzo. Prendendo a prestito il titolo da un passo delle Faville (‘La sorte ha voluto che io provassi la dolcezza dell’amicizia assai prima che quella dell’amore’), il Vittoriale presenterà alcune importanti acquisizioni: una su tutte, l’acquisto dell’inedito carteggio d’Annunzio-Di Rudinì, avvenuto da parte della Fondazione Il Vittoriale all’asta di Bloomsbury grazie anche al fondamentale contributo dell’Assessorato al Turismo e alle Attività e Beni Culturali della Provincia di Brescia e dell’Associazione Amici dei Musei di Brescia. Il carteggio è composto da 147 lettere, 7 telegrammi e 2 cartoline postali di d’Annunzio ad Alessandra Carlotti di Rudinì Starabba, riferiti al periodo della relazione amorosa tra i due, dal 1903 al 1907, fino a oggi completamente inediti.Custodito dalla famiglia del dottor Pietro Marogna, che ebbe in cura i figli della marchesa Carlotti di Rudinì e da loro lo ricevette in dono, il corpus va così ad aggiungersi al recente recupero delle lettere di Alessandra a Gabriele, completando un carteggio prezioso per la conoscenza del Poeta.

Inoltre, sul modello dei più dinamici Musei di tutto il mondo, nasce l’Associazione Amici del Vittoriale: un’occasione per vivere sempre più da protagonisti la vita pulsante del Vittoriale, sostenerne l’attività e i progetti, condividere l’orgoglio di contribuire a un’opera di mecenatismo collettivo, diventarne ospiti privilegiati e godere di tanti vantaggi. Ciascun socio potrà scegliere il diverso livello di coinvolgimento finanziario, a partire dalla sottoscrizione della tessera base al costo di € 20. Con cui per il 2012 avrà diritto, tanto per cominciare, all’ingresso gratuito alla cittadella monumentale (Parco e Prioria) in un giorno riservato ai soci. Ma, soprattutto, contribuirà a sostenere l’acquisto di un altro importantissimo documento dannunziano, già individuato.

Tutto questo alle soglie di un compleanno importante: nel 2013, i 150 anni di Gabriele d’Annunzio, nato a Pescara nel 1863. Per l’occasione la Fondazione Il Vittoriale degli Italiani realizzerà una serie di importanti progetti internazionali, per promuovere e valorizzare lo spirito fervente di un genio che, anche grazie alla sua lungimiranza, al respiro internazionale e all’amore per l’Italia, seppe imprimere un sigillo di modernità alla storia del nostro Paese.

Leave a Comment

Powered by WordPress | Deadline Theme : An AWESEM design