Conto alla rovescia per l’imposta di soggiorno: in vigore da lunedì in parte dei Comuni della Riviera

download

Silvia Razzi, assessore a turismo e cultura della Provincia di Brescia

Da lunedì prossimo i primi Comuni del Garda bresciano cominceranno ad applicare l´imposta di soggiorno, detta anche «tassa sui turisti». Ma la Riviera si presenta in ordine sparso: otto Comuni non applicheranno l´imposta, altri sei la rinvieranno a giugno e uno a maggio.Una frammentazione che l´assessore provinciale al turismo, la gardesana Silvia Razzi, non può certo accogliere con particolare entusiasmo. «A questo punto – osserva – era meglio pensarci con più calma e prevederne l´applicazione, prevista dal federalismo fiscale, magari a partire dal 2013, con una maggiore unità di intenti per utilizzare queste nuove entrate in un´ottica di rete. La tassa di soggiorno è positiva per i Comuni, che sono i veri beneficiari. Visti i vari patti di stabilità e i tagli, poteva essere un elemento importante. Si paga in tutto il mondo e non vedo lo scandalo. Sarebbe stato bello applicarla su tutto il territorio, ma la Provincia non ha voce in capitolo. Andava meglio ragionata con le associazioni di categoria».Prevendola come fatto, a poche settimane dall´apertura della stagione, ci si ritrova con pacchetti dei tour operator già venduti senza che all´epoca si sapesse dell´imposta. «È un danno – commenta – perché un turista arriva e non è preparato: chi ha già prenotato arriva e scopre quando è qui di doverla pagare. La questione andava gestita meglio».La speranza dell´assessore provinciale è che i soldi in arrivo nelle casse municipali siano reinvestiti veramente per il turismo: «È una tassa di scopo – ricorda – e come tale va impiegata».

E.G. da Bresciaoggi del 30 marzo 2012

Leave a Comment

Powered by WordPress | Deadline Theme : An AWESEM design