Oggi si vota il PGT di Desenzano tra mille tensioni. On. Granata: “Gli atti alla Commissione antimafia”. Sen. Germontani: “A pochi giorni dalle elezioni è un atto irresponsabile e insensato. Siamo certi che D’Arconte non voterà il PGT”.

Il lungolago Cesare Battisti: un approvato Piano Integrato d'Intevento prevede una nuova passeggiata a lago di 8.600 mq

Oggi si vota Palazzo Bagatta il consiglio comunale voterà l’approvazione definitiva del Piano di Governo del Territorio di Desenzano del Garda. Dalle 16.30 riprenderà con l’esame delle osservazioni (ne restano  181 su 186), poi una volta che sarà notte arriverà il voto tra le mille tensioni sfociate nelle ultime ore, a pochi giorni dal voto per il rinnovo dell’amministrazione comunale. Domenica e lunedì i cittadini desenzanesi sono chiamati alle urne, ma intanto il consiglio comunale è chiamato all’approvazione di uno strumento urbanistico importante e che definirà il futuro della città, ma tutto si gioca sul filo di lana: 11 i consiglieri della maggioranza di centrodestra, 10 quelli tra centrosinistra, Lega e l’indipendente Paolo Barziza.

“Per poterlo approvare – dice la Sen. Maria Ida Germontani candidata sindaco per Desenzano che Passione - la maggioranza ha fatto dimettere un consigliere per conflitto d’interessi perché detentore di un’ampia area edificabile e ha fatto dimettere il primo dei non eletti perché forse avrebbe votato contro. Questo Piano è frutto di meri accordi politici che passano sopra la testa dei cittadini. La nostra iniziativa non si fermerà alla semplice denuncia, ma chiederò personalmente che la Commissione nazionale antimafia acquisisca gli atti dell’eventuale delibera di approvazione del PGT. Ma non solo, già stamani, verranno presentate due motivate interpellanze parlamentari al Ministero dell’Interno, sia alla Camera che al Senato, affinchè il Ministero si attivi per accertare se tale determinazione dell’amministrazione comunale di Desenzano possa rappresentare, come riteniamo, una grave turbativa elettorale, influenzando illegittimamente la libertà di espressione del voto. In merito a Sonia D’Arconte, consigliere comunale in carica e candidata della nostra lista civica “Desenzano che passione”, siamo convinti, per stima personale e per il percorso politico che l’ha portata a candidarsi con noi, che non voterà questo PGT rendendosi complice di un atto irresponsabile. Qualora dovesse votarlo, non potremo far altro che disconoscere formalmente il suo operato”.

“Questo – prosegue Luca Feroldi, coordinatore provinciale di FLI – è un PGT che porterà una cementificazione selvaggia del patrimonio paesaggistico di Desenzano, con circa un milione di metri quadrati di urbanizzazione, un PGT elaborato per fare promesse elettorali. Un PGT già bocciato pesantemente dal parere tecnico della Regione Lombardia e che non può stare in piedi. I soliti noti hanno acquisito terreni agricoli sapendo che poi sarebbero divenuti edificabili. Ma al di là del merito delle decisioni urbanistiche è scandaloso addivenire all’approvazione del PGT a soli 5 giorni dal voto; è un atto di grave arroganza tipico di una certa classe politica, la stessa classe politica PDL-UDC che si ricandida a sostegno della candidatura di Luigi Cavalieri. Noi di Futuro e Libertà per l’Italia, lo diciamo chiaramente, non vogliamo avere nulla a che fare con chi si renderà protagonista di tale atto”.

Una dura accusa arriva anche dall’On. Fabio Granata, Vice Presidente della Commissione nazionale antimafia e già Vice Presidente della Regione Siciliana, arrivato ieri a Desenzano a sostegno della candidatura a sindaco della Sen. Germontani per un incontro dal tema “Legalità valore condiviso per il bene comune”; non ho sentito neanche a Casal Principe, paese d’origine del clan dei Casalesi, – ha detto – che si andasse ad approvare un PGT a 5 giorni dal voto. Negli ultimi giorni un consiglio comunale dovrebbe solo fare ordinaria amministrazione. Gli atti di questo PGT saranno immediatamente acquisiti dalla Commissione antimafia e coinvolgerò direttamente il Presidente della Commissione antimafia Pisanu. Oggi stesso, la Sen. Maria Ida Germontani al Senato ed io alla Camera presenteremo un’interrogazione urgente al Ministero dell’Interno per verificare se l’approvazione definitiva del PGT, considerati gli interessi speculativi che muove, a pochi giorni dalla chiamate alla urne non sia una turbativa al voto. Inoltre, ci riserviamo di presentare un dettagliato esposto che tenga conto di quanto sollevato alla competente Procura della Repubblica”.

Trackbacks for this post

  1. Il Sen. Achille Serra (UDC) a Desenzano: “Infiltrazioni mafia possibili ovunque ci sia grana, ma qui | Il Corriere del Garda

Leave a Comment

Powered by WordPress | Deadline Theme : An AWESEM design