Sabato 14 aprile Franco Loi al Caffè Galeter di Montichiari

FRANCO LOI

“La poesia è contro il potere perché riconduce l’uomo al vero”.

Gli eventi di poesia del Caffè Galeter di Montichiari proseguono con un grande e imperdibile incontro con il poeta milanese Franco Loi. L’autore, nato a genova nel 1930, residente a milano dal ’37, ne ha abbracciato il dialetto. Dopo essere stato ceramista e operaio, è approdato alla mondadori e in seguito al Sole 24 Ore. Ha pubblicato alcuni tra i più importanti libri di poesia contemporanea: I cart, Stròlegh, L’angel, Isman, Voci d’osteria. Nella poesia di Loi assume grande importanza l’aria, che non solo ne domina il lessico, ma anche lo spazio e il tempo. Ecco alcuni testi significativi. Andrea Garbin

Û sumenâ la mort… La me ciamava
e mì buffavi e stringevi i man…
Adèss sun cul cü piatt e cun la bava
e dré me sbanfa un vent de maraman…
… l’è l’aria de renghera, aqua smorta,
un mè buffà che turna a sciamp de can…
L’è no che sunt un orb, ‘na bucca torta,
ma lé, la mort, l’è matta, sensa ögg
la tröa semper i ciav de la mia porta.

[Ho seminato la morte... Mi chiamava / e io soffiavo e stringevo le mani... / Adesso sono qui col / culo piatto e con la bava / e dietro si affanna un vento maramaldo... / … è l'aria della ringhiera che torna a zampe di cane... / Non che sono cieco, o schizzinoso, / ma lei, la morte, è matta, senza occhi / trova sempre le chiavi della mia porta.]

Sèm poca roba, Diu, sèm squasi nient,
forsi memoria sèm, un buff de l’aria,
umbría di òmm che passa, i noster gent,
forsi ‘l record d’una quaj vita spersa,
un tron che de luntan el ghe reciàma,
la furma che sarà d’un’altra gent…
Ma cume fèm pietâ, quanta cicoria,
e quanta vita se porta el vent!
Andèm sensa savè, cantand i gloria,
e a nüm de quèl che serum resta nient.

[Siamo poca roba, Dio, siamo quasi niente, / forse memoria siamo, un soffio d'aria, / ombra degli uomini che passano, i nostri parenti, / forse il ricordo d'una qualche vita perduta, / un tuono che da lontano ci richiama, / la forma che sarà di altra progenie... / Ma come facciamo pietà, quanto dolore, / e quanta vita se la porta il vento! / Andiamo senza sapere, cantando gli inni, / e a noi di ciò che eravamo non è rimasto niente.]

Cume se fa a parlà de la belessa?
La furma che sa dís al fiâ del cör?
La vardi e, nel murí, la mia parola
la dís dumâ del poch restâ nel mör.

[Come si fa a parlare della bellezza? / La forma che sa dire al fiato del cuore? / La guardo e, nel morire, la mia parola / dice soltanto del poco rimasto nel morire.]

Leave a Comment

Powered by WordPress | Deadline Theme : An AWESEM design