Fiera del Vino di Polpenazze: da venerdì 25 a lunedì 28 la 63esima edizione del più popolare tra gli appuntamenti della riviera.

La 62^ edizione della Fiera del Vino Garda Classico DOC di Polpenazze

Questo fine settimana conviene tenervi liberi. Da venerdì 25 a lunedì 28 a Polpenazze torna in scena la Fiera del Vino Doc Valtènesi – Garda Classico, la più popolare tra le manifestazioni enogastronomiche della riviera gardesana, amata anche ben oltre i confini provinciali. Nata nel 1947 per risollevarsi dal dramma della guerra, si ripresenta in scena anche quest’anno all’insegna delle novità: la prima e più importante è legata alla recente entrata in vigore della doc Valtènesi, che la manifestazione ha recepito nella propria denominazione accogliendo tra l’altro i primi Valtènesi Chiaretto anche nel concorso enologico ufficiale.

La 63esima edizione (la fiera è rimasta ferma un paio di volte negli anni) sarà infatti il primo grande appuntamento per la nuova denominazione, in particolare per la versione in rosa sul mercato dal 14 febbraio, mentre per la versione rosso bisognerà attendere il 1 settembre. “Questo – commenta il presidente del Consorzio Valtènesi – Garda Classico Sante Bonomo – è il nostro anno zero e la Fiera sarà un banco di prova per le aziende che si sono messe alla prova con il concorso”. Riconosciuto dal Ministero, quest’anno vedrà la partecipazione di una sessantina di etichette nella varie tipologie del bianco, rosso e Chiaretto.

Mentre oltre confine si sono già interessati una giornalista giapponese e uno scrittore tedesco, i consumatori nostrani, dal canto loro, potranno degustare i vini delle 16 aziende presenti: ogni degustazione a scelta costerà 1 euro e si potrà effettuare unicamente previo acquisto di sacca e bicchiere ad un prezzo di 5 euro. La Fiera quest’anno cambierà anche nel look: le cantine saranno infatti ospitate in stand completamente rinnovati rispetto alle edizioni precedenti.

Le porte della Fiera si apriranno venerdì alle 18 e tutte le sere, ma la domenica anche a pranzo, si potranno mangiare piatti tipici e spiedo alla bresciana. Non mancheranno la Piazzetta del Biologico, dedicata ai numerosi produttori di un comparto dove il 25% del vigneto iscritto all’albo è già bio. Alla Corte degli Assaggi invece si potranno fare degustazioni guidate e comparate abbinate ai migliori formaggi del territorio come Stracchino, Tombea e Bagoss, proposti da un’autentica istituzione della zona come il Mercato Coperto di Gavardo.

Domani, sabato e lunedì la Fiera aprirà dalle 18 alle 24, mentre domenica ancora dalle 10 quando è in programma l’inaugurazione ufficiale, cui seguirà, dopo la messa, la premiazione dei vincitori del concorso enologico dedicato a Doc Garda Classico e Doc Valtènesi con una sessantina di etichette che si sfidano per la conquista della qualifica di Vino Eccellente.

“Saranno quattro giorni dedicati alla valorizzazione del territorio – commenta l’assessore provinciale all’agricoltura Gianfranco Tomasoni – attraverso la degustazione e l’apprezzamento di prodotti della viticoltura bresciani accompagnati dall’eccellenza dell’agroalimentare bresciano”.

L’appuntamento ben rappresenta tradizione e tipicità bresciane ed è un utile strumento di marketing territoriale, ma per il Comune la Fiera richiede comunque un bell’impegno economico. “Se il tempo sarà clemente – spiega il sindaco Andrea Dal Prete –, i risultati saranno buoni anche quest’anno. Il vino è una buona componente economica della nostra zona dove gli agricoltori sono ancora molti: faremo del nostro meglio affinché la Fiera diventi sempre più un momento di promozione e meno una festa popolare e popolana”.

Leave a Comment

Powered by WordPress | Deadline Theme : An AWESEM design