L’altro punto di vista, la voce dei sudditi: il parcheggio interrattato risolverà le difficoltà della viabilità a Sirmione?

parcheggio sirmione

Il 22 febbraio, l’Amm. Comunale presenta ai sirmionesi il costoso studio per la realizzazione di un parcheggio interrato che dovrebbe lasciare in superfice solo spazi verdi per la meraviglia di occhi e spirito e nessuna autovettura. L’ incontro con i sirmionesi è per le ore 20,30. Merita una riflessione il modo in cui ne sono stati informati i cittadini. L’avviso dell’incontro, espressione di rispetto verso TUTTI i cittadini, viene dato dal prete (ovvero, per saperlo bisogna andare in chiesa); via sms inviato dal Comune a chi ne ha fatto richiesta d’informazione con tale mezzo ed infine, dall’antico passaparola. Per chi crede, invece, di fidarsi dei democratici manifesti informativi incollati sull’apposito tabellone di fronte al “Bojola” o alla guardiola dei vigili, rimarrà disinformato in barba alla tanto auspicata partecipazione.

La sala Catullo di palazzo Callas è comunque gremita di sirmionesi. Il progetto del parcheggio interrato prevede l’abolizione delle macchine in superficie per tutta l’area che va dai campi da tennis a piazzale porto, la realizzazione di nuovi volumi commerciali, la riqualificazione del palazzo dei congressi, dell’ufficio postale e degli uffici d’informazione e dei vigili. Quest’operazione comporta per forza il taglio di giganti e odorose magnolie, cedrus deodara, cipressi, pini d’aleppo, ginko-biloba ed altri vetusti alberi; ovvero, porta alla distruzione di un pregevole parco per poi dover attendere parecchi anni lo sviluppo della nuova e costosa piantumazione. Comunque noi sirmionesi, e non solo noi, siamo attratti dall’aspettativa di un’oasi di bellezza alberata tra panorami d’ acqua e Castello. BELLISSIMO!!! Ma poi, la lavagna luminosa sembra mostrare muri(?),” paratie”(?) che offuscano il Castello e la nuova zona piantumata. In effetti, durante l’esposizione del mega- progetto non c’era molta chiarezza. Solo dopo alcuni interventi del pubblico si è capito che i posti macchina da circa 600, sarebbero passati a poco più di 400: ovvero: la miglioria consiste nel perdere grossomodo 200 parcheggi e per la gioia degli operatori economici si preannuncia la creazione di una nuova zona commerciale e non si è certo parlato di negozi di alimentari o di ambulatori medici e nemmeno di una piccola oasi atta a celare la differenziata umido compreso. Bella miglioria!!! Il questionario del comune parla SOLO di posti macchina; non cita le cifre che sono state dette durante l’assemblea (200 euro al mese fino ad un massimo di 40000 euro), ma si limita a chiarire che il costo sarà allineato ai prezzi di mercato. Non si prevede alcun acquisto ma si pagherà la concessione di diritto di superfice la cui durata potrà essere temporanea, annuale, o pluriennale fino ad un massimo di 99 anni. Non si legge che la parte commerciale sarà di pertinenza della ditta costruttrice, e non si citano nemmeno le sorti del Palacreberg e dell’Ufficio Postale, fatiscenti testimonianze dell’attuale amministrazione. A fronte di un’esposizione così nebulosa, ci chiediamo :” Così come esposto, questo parcheggio interrato è proprio necessario? Dobbiamo per forza stravolgere il nostro territorio per un’iniziativa che porterà denaro solo all’impresa appaltatrice e non alle casse del comune? E ancora: l’isola pedonale tra il verde si può realizzare raddoppiando il parcheggio con un piano fuori-terra a piazzale Montebaldo? Questo intervento potrà costare di meno? I ricavi/guadagni potrebbero entrare direttamente nelle casse del comune?”

Un altra domanda: questo progetto si realizzerà solo se i sirmionesi aderiranno all’iniziativa oppure, data l’aria di oligarchia che si è respirata durante la presentazione del progetto, si farà comunque? A scapito di questa aspettativa faraonica, i disagi del carico e scarico rimangono (dove li mettiamo i furgoni e i camion delle consegne?), come rimangono i disagi del ponte intasato di domenica, i disagi delle autovetture che transitano in C.S. nonché l’insorgenza di nuove inflazionate attività commerciali. In attesa di studi più mirati alla risoluzione dei problemi oggettivi( forse un tunnel sotterraneo?), crediamo che, per l’immediato futuro, con un po’ di buon senso si possa e si debba aiutare lo snellimento del traffico. Si potrebbe valutare una prova con una rotonda al parcheggio Monte Baldo, diversificando l’ingresso tra pulman e autovetture o semplicemente fermando i pulman a Colombare e proseguire con un bus navetta o motoscafo. Si potrebbe tornare , nei momenti critici, al biglietto manuale invece di dover attendere il sali-scendi della sbarra all’entrata del parcheggio Montebaldo. Si potrebbe transitare attraverso il castello per sbloccare il ponte durante quegli affollati pomeriggi domenicali, oppure, come già applicato all’estero sulle scale mobili, invitare i pedoni, con espliciti cartelli, a tenere la propria destra. Oppure, basterà semplicemente evitare l’indisciplina di quegli automobilisti che se ne fregano delle regole della domenica pomeriggio, bloccando quelle macchine in uscita all’altezza delle Terme Catullo .

Tornando ai problemi di viabilità, il sindaco risponde: “Non possiamo risolvere tutto!”. Umorismo a parte, opere faraoniche a parte, a quando la più semplice riqualificazione di piazza Carducci e piazza Castello?

La settimana santa a Sirmione.

La tradizione si ripete. L’ormai solito arredo floreale di piazza Castello festeggia l’inizio della stagione turistica e delle festività pasquali. Dopo un inverno all’emblema della siccità, anche il tempo non si smentisce e sotto un cielo plumbeo, anche le autovetture inglobate dalla folla o dirette nei vari alberghi mantengono la tradizione: automobilisti atterriti nel chiedere le informazioni per giungere in hotel, appiedati invidiosi che sembrano rallentare apposta fingendo di non accorgersi delle vetture dietro di loro; passeggini con ombrellino che non trovano posto sotto il ponte, biciclette che aggrediscono gli stinchi di chi capita a tiro: un vero Caos! E speriamo che non ci sia bisogno dell’ambulanza! Così è l’inizio della vacanza e così i giorni intermedi e così è la fine della vacanza e così tutte le successive domeniche e le Feste Comandate. A quando uno studio serio per una razionale pedonalizzazione?

Mariarosa Wilde

Aveva già parlato di questo argomento qua: Sirmione, parcheggio interrato al piazzale del porto: risolverà i problemi di viabilità e posti auto?

Leave a Comment

Powered by WordPress | Deadline Theme : An AWESEM design