“Non nel mio gardino”: online il cortometraggio vincitore del premio della critica all’ultimo Filmfestival del Garda.

Non-nel-mio-giardino-cortometraggio-di-Andrea-Corsini-2

Un giovane e un vecchio, probabilmente padre e figlio, lasciano la città poco prima dell’alba verso zone boschive lontane dai centri abitati. Trascorreranno insieme un’usuale giornata di caccia domenicale nel tentativo di ricucire un rapporto incrinato da tempo.Ma dietro la normalità dei gesti e l’ordinarietà dei silenzi sembra nascondersi qualcosa di anomalo, e una tragica fatalità riporterà a galla il loro consumato rancore e la vera natura delle loro azioni.

Il cortometraggio “Non nel mio giardino” di Andrea Corsini, vincitore del premio della critica all’ultimo Filmfestival del Garda, è ora liberamente visibile sul web e il 12 aprile è anche andato in onda sul canale 143 Sky all’interno di “Short movies”.

Il regista, 31enne da Castegnato, è un autodidatta che da 10 anni scrive per la rivista cinematrografica online 35mm.it, ma la regia era una sogno che coltivava da tempo e visto il risultato l’ha coltivato bene. “Questa – dice – è la prima esperienza di sceneggiatura e regia, ho avuto l’occasiopne di avere due attori che sono venuti a lavorare per 5 giorni di riprese nei boschi di Serle”.

C’è un riferimento alla “Decima vittima” di Elio Petri, ma avuto molta influenza anche il Terry Gilliam di “Brazil” in cui si tinge un mondo di fantascienza di un futuro ipotetico. La storia di questa pellicola inizia comunque quando Corsini conosce un interessante racconto di Stefano Tersini, ma non vuole farne un lavoro amatoriale. La riprese quindi iniziano a marzo 2011 e la post-produzione è termina a luglio.

La tematica – ricorda – è nata da una discussione con un caro amico che mi aveva fatto leggere un suo racconto. Ho capito subito che era una storia che toccava le mie corde, ho capito che era un’idea con un futuro e ho iniziato a scrivere la sceneggiatura. È una caccia all’uomo e tocca le mie corde perché per la sicurezza e per paura si arriva a ledere certe libertà”.

Quando ha finito di scrivere la sceneggiatura si è scontrato con la difficoltà e l’inesperienza. “Di soldi non se ne trovavano e – spiega – la svolta è arrivata con l’assessore alla cultura del Comune di Castegnato, Eugenia Grechi, che ha detto che per il Comune è un risorsa avere un regista esordiente e ha deciso di patrocinare e finanziare il lavoro. Poi però devi trovare anche chi crede in te e ti prende nei festival e il fatto che il Filmfestival del Garda abbia preso il mio cortomegrattio è stato fondamentale”.

Cercato il nome del cortometraggio sul vostro motore di ricerca preferito, andate sulla sua pagina Facebook o visitate vimeopro.com/cinqueesei/non-nel-mio-giardino.

Leave a Comment

Powered by WordPress | Deadline Theme : An AWESEM design