Stasera si (ri)chiude la campagna elettorale, domenica 20 e lunedì 21 a Desenzano ballottaggio tra Rosa Leso e Renzo Scamperle

20120507_205917

Domenica 20 dalle 8 alle 22 e lunedì 21 maggio 2012 dalle 7 alle 15 urne aperte per il turno di ballottaggio per l’elezione del sindaco di Desenzano del Garda. I cittadini dovranno scegliere tra Rosa Leso (sostenuta da PD e civica Aria Nuova) e Renzo Scamperle (Desenzano Civica e Comune Amico, cui si è aggiunto dopo il primo turno Progetto Desenzano di Esterino Caleffi).

La prima il 6 e 7 maggio ha raccolto il 28,45% dei voti, mentre il secondo il 18,12%, cui andrebbe aggiunto con l’apparentamento il 4,98% di Caleffi. Leso, ex dirigente scolastico, non si è legata ad altri partiti o forze politiche. Scamperle invece ha ricevuto per bocca del coordinatore provinciale Alessandro Mattinzoli il sostegno del Pdl, cui si aggiunge a sorpresa quello del Lega: il candidato sindaco Rino Polloni aveva lasciato libertà di voto “in linea con le direttive della segreteria politica e di Roberto Maroni”, ma ieri il segretario provinciale Fabio Rolfi ha invitato a sostenere Scamperle.

“I cittadini al primo turno – commenta online Leso – hanno detto che non vogliono più vedere personaggi che negli ultimi 5 anni hanno impoverito Desenzano, ne hanno compromesso il territorio fino all’approvazione all’ultimo minuto di un Piano del Territorio che prevede 600.000 mc di nuove costruzioni. Questi divoratori di risorse per il nostro futuro non devono più tornare, nemmeno nascondendosi dientro a nuovi simboli o accordi sottobanco”.

Dopo una secondo campagna elettorale, fatta di piazza e confronti pubblici, Leso stasera alle 18 da appuntamento al Bar Bosio in Piazza Malvezzi per un incontro con Pippo Civati che presenterà il suo libro “Il manifesto del partito dei giovani” e a seguire appello al voto, aperitivo e chiusura campagna elettorale. Scamperle invece da appuntamento in Piazza Matteotti dalle 19.30 per un brindisi con cui chiudere la campagna elettorale.

Queste le parole di Annamaria Damiano, che era candidata con Sel, Idv e Desenzano in Movimento: Voglio ringraziare - si legge in una nota - tutte le persone che mi hanno votato al primo turno dimostrandomi stima e sostegno. Sono stata silenziosa spettatrice di ciò che accadeva nella settimana dedicata ai ballottaggi.

Non sono stata chiamata da nessuna forza politica né le ho contattate, nel pieno rispetto di un momento molto delicato come quello che poteva portare a scelte per gli apparentamenti.

Non nego la sorpresa di aver visto offrire possibilità di collaborazioni ufficiali e posti di rilievo in consiglio comunale a forze così lontane per provenienza politica, culturale e per idee ispiratrici rispetto al panorama del centro-sinistra che ho rappresentato e al quale si doveva naturalmente guardare.

Per rispetto alla responsabilità assegnatami dagli elettori, in linea con una campagna e un programma elettorali ispirati alla nuova e buona politica, che deve essere chiara, generosa e che ha come unico scopo la salvaguardia del territorio e della sua gente, e non posti di assessori, mi sento di dimostrare tutta la mia preoccupazione per la possibilità di vedere annullati i valori in cui credo  e  allora affermo, con  accresciuta convinzione, che il “ partito dei cementificatori “ deve essere allontanato.

Desenzano è stata per troppo tempo calpestata e non merita più ulteriori sacrifici sulle spalle di tutti a vantaggio di pochi; penso che si debba perseguire l’idea di Desenzano “bene comune”.

Mi impegno a vigilare  sull’operato della prossima amministrazione, in sinergia con tutte le realtà associative che si adoperano per il rispetto dei diritti civili, del territorio, della salute pubblica e della legalità, per la promozione della cultura e del turismo, così come contenuti nel mio programma elettorale,  che è stato faticosamente elaborato grazie all’ampio lavoro di  ricerca e di confronto operato con esperienze e personalità  del panorama nazionale, rappresentando, a mio modo di vedere, il risultato più innovativo e completo di questa tornata elettorale”.

Leave a Comment

Powered by WordPress | Deadline Theme : An AWESEM design