Centro Aiuto alla Vita di Desenzano: dopo un 2011 di grande attività, ora servono nuove forze.

maternità

L’attività di sostegno alla maternità è stata quest’anno molto intensa in quanto la diffusione del materiale informativo del CAV nel territorio dei distretti Asl 10, 11 e 12 ha fatto emergere molte situazioni difficili e multiproblematiche. Per offrire un reale sostegno alla maternità in una zona così vasta, abbiamo rafforzato le collaborazioni con volontari e gruppi sparsi sul territorio: S. Vincenzo di Desenzano e di Montichiari, alcune Caritas parrocchiali, Mpv di Carpenedolo, della Bassa Bresciana e Garda-Valsabbia, CAV di Prevalle e CAV Garda-Valsabbia.

Al fine di essere ancora più facilmente contattabili, abbiamo richiesto ed ottenuto il rinnovo della convenzione con l’Azienda Ospedaliera di Desenzano e provveduto a garantire la presenza di volontari e di una psicologa nei punti d’ascolto degli ospedali di Desenzano, Gavardo e Manerbio.

Nel corso dell’anno 2011 abbiamo aiutato 140 future mamme, da loro sono nati 94 bimbi, 2 hanno avuto un aborto spontaneo, 12 hanno deciso per l’aborto volontario, le altre sono ancora in attesa.

I nuclei familiari aiutati nell’anno, oltre alle gestanti, sono complessivamente 189.

Abbiamo potuto sostenere tutte queste mamme grazie all’opera di 51 volontari, ai quali vanno aggiunti quelli dei gruppi d’appoggio sopra citati; tutti hanno offerto il loro tempo con grande disponibilità e motivazione accompagnando passo dopo passo mamme sole o con molteplici problemi ed hanno reso possibili i vari servizi:

 Punto di ascolto presso gli ospedali di Desenzano, Gavardo e Manerbio

 Raccolta e distribuzione di pacchi spesa (50, 60 q. al mese ritirati dal Banco Alimentare del Veneto), vestiario, mobili, attrezzature per la casa e per l’infanzia, riciclando, per quanto possibile, l’usato che viene selezionato, riparato e lavato dai volontari. Abbiamo acquistato e fornito latte in polvere per neonati e pannolini. Particolare rilevanza ha la fornitura di pannolini lavabili il cui utilizzo consente un risparmio per la mamma, maggiore salute per il bambino ed una tonnellata in meno per bambino di rifiuti non riciclabili.

 Corso di alfabetizzazione: quattro insegnanti volontarie, attraverso l’insegnamento della lingua italiana, hanno cercato di favorire l’integrazione di donne immigrate, ascoltando i loro problemi e sollecitando forme di mutuo-aiuto; vi hanno partecipato 27 donne.

 Ospitalità: nella comunità “Accoglienza” gestita in convenzione con il Comune di Desenzano e nei tre appartamenti di cui disponiamo abbiamo accolto temporaneamente 21 famiglie.

 Contributi economici:

Fondo Nasko: da ottobre 2010 la regione Lombardia supporta le madri che scelgono di portare avanti la gravidanza alla quale erano tentate di rinunciare per problemi economici, con un contributo di € 250 per 18 mesi.

Progetto Gemma: sempre per i casi di difficoltà economiche così gravi da spingere la donna all’aborto volontario, nel caso non fossero residenti in Regione Lombardia, possiamo richiedere una “adozione prenatale a distanza” alla Fondazione “Vita Nova”. La mamma adottata riceve, nel rispetto dell’anonimato, € 160 mensili per diciotto mesi, da adottanti a lei sconosciuti.

Rimborso ticket e farmaci per la mamma nel periodo della gravidanza e pagamento di qualche bolletta: ciò è stato reso possibile grazie al lascito di una “zia” speciale che ricorderemo sempre con affetto.

Per realizzare al meglio questi ed altri servizi e per far sì che gli aiuti offerti non si traducano in semplice assistenzialismo ma conducano alla crescita personale e all’autonomia abbiamo bisogno di altri volontari e di famiglie d’appoggio. Il sostegno economico proviene dalle offerte di privati ed enti, dal Comune di Desenzano, da altri Comuni della zona e da alcune Parrocchie.

L’attuale crisi economica ha colpito molte “nostre” famiglie, che hanno perso l’unica fonte di reddito. Quanta sofferenza in papà e mamme che non hanno più di che sfamare i loro figli o che, proprio per la mancanza di un reddito sicuro, si sentono costretti a rinunciare ad una nuova vita!

Qualsiasi contributo in denaro e in genere di prima necessità è importante. Ricordo che il CAV è una ONLUS e può rilasciare ricevuta di erogazione liberale detraibile, sia per somme di denaro che per merci. Inoltre, senza nessuna spesa o aggravio fiscale, al CAV può essere devoluto il 5 per mille delle tasse indicando nell’apposito spazio della dichiarazione dei redditi, il CODICE FISCALE 93003360174 (l’introito pervenuto nel 2011, relativo all’anno 2009, è stato di € 3578). Grazie a quanti, in vario modo, ci hanno sostenuto.

La Presidente Bruna Filippini

CENTRO AIUTO VITA
Via B. Croce 27
25010 Rivoltella di Desenzano d/G (BS)
Tel.: 0309901520 Fax.: 03090931131
Email: cavdese@tiscali.it
www.cavdesenzano.it

Leave a Comment

Powered by WordPress | Deadline Theme : An AWESEM design