Protesta contro i tagli alla spesa sociale: mercoledì 13 giugno alle 11 in Piazza Duca D’Aosta a Milano manifestazione delle persone con disabilità e delle loro famiglie

tagli_al_sociale_striscione

Bastano pochi numeri per capire perché le persone con disabilità, le loro famiglie, le Associazioni e gli Enti che gestiscono servizi hanno deciso, tutti insieme, di rendere visibile la più ferma contrarietà ai tagli alla spesa sociale che stanno mettendo a rischio anni di conquiste sociali e di professionalità.
Da un anno con l’altro (2011/2012) le risorse destinate alle Politiche Sociali della Lombardia sono passate da 161 a 60 milioni di Euro. Mancano all’appello 71 milioni di Euro da parte dello Stato, e 30 milioni di Euro da parte della Regione Lombardia.
Se poi dovessimo esaminare le risorse che furono messe a disposizione negli anni precedenti al 2011, il confronto sarebbe ancora più pesante e impietoso. Le risorse impiegate nelle Politiche Sociali non servono per pagare gettoni di presenza in qualche Consiglio di Amministrazione, e nemmeno per finanziare qualche commemorazione o per celebrare la vittoria di una squadra.
Sono risorse destinate ai centri diurni, alle comunità alloggio ed alle altre realtà residenziali, ai servizi di trasporto per persone non autonome e non autosufficienti, agli interventi di assistenza educativa e domiciliare, ai progetti individuali di autonomia, vita indipendente e inclusione sociale, ai centri estivi, ai soggiorni, ai periodi di sollievo per le famiglie, a progetti di inserimento lavorativo, a interventi e progetti sperimentali, spesso autofinanziati dagli stessi enti promotori, a sportelli di informazione e consulenza alle famiglie, per la tutela dei loro diritti e per essere sostenute nel difficile e vitalizio percorso imposto dalla disabilità.
Servizi, interventi e prestazioni che, anno dopo anno, hanno costruito anche professionalità specifiche, capacità organizzative e di coinvolgimento del Volontariato. La crisi non può e non deve giustificare di mettere seriamente a rischio tutto ciò!
Occorre subito rimettere al centro dell’attenzione delle politiche sociali della Repubblica (costituita dai Comuni, dalle Province, dalle Città Metropolitane, dalle Regioni e dallo Stato) il tema dei diritti di cittadinanza di tutti i cittadini, a partire da quelli che vivono una condizione di vita resa più fragile dalle condizioni di salute e dalle discriminazioni di cui sono vittime.
Per queste ragioni, dopo mesi di attesa e di speranza che i tagli venissero rimediati, le persone con disabilità saranno a Milano per chiedere alla Regione Lombardia e a tutte le istituzioni che compongono la Repubblica di fare una scelta: ripartire dai diritti e dai bisogni di chi è più vulnerabile.
Una condizione di vita che riguarda, direttamente o indirettamente, tutti noi.
Per questo chiediamo ai cittadini di essere insieme a noi, perché le risorse destinate agli interventi e ai servizi sociali fanno bene al Paese.

Prof. Gianfranco Bortolotti

Presidente Associazione Famiglie di Disabili Intellettivi e Relazionali
Via Durighello, 1 – Rivoltella – 25015 (BS)
TEL 030/9111955 – TELEFAX 030/9902430
E-MAIL: anffasdese@libero.it
www.anffasdesenzano.it

Leave a Comment

Powered by WordPress | Deadline Theme : An AWESEM design