L’osservatorio della Specola di Desenzano è abusivo? Interrogazione di Polloni sulla proprietà comunale con vincolo monumentale.

Specola 2012

Con la presente il sottoscritto Rino Polloni, in qualità di Consigliere Comunale del  gruppo LEGA NORD, ai sensi dell’art. 45 comma 12 del regolamento del C.C., presenta la seguente interrogazione a risposta scritta:

PREMESSO Che:
a seguito dell’evento sismico delle ore 17,03 del 24 luglio u.s. (magnitudo 2.3) –  localizzato dalla rete sismica Nazionale dell’I.N.G.V. nel distretto sismico: Zona lago di Garda, nell’ultima assemblea Consiliare, il sottoscritto Consigliere ha presentato un’interrogazione urgente a titolo: “ Scossa sismica con epicentro San Felice-Manerba del
Garda”;
Nelle premesse dell’interogazione veniva richiamata la rete sisometrica dell’ISTITUTO DI GEOFISICA E BIOCLIMATOLOGIA SPERIMENTALE DEL GARDA (IGBSG) con sede in via Castello 57 a Desenzano, le cui informazioni ed i sismografi registrati “dovrebbero” (ma non lo sono) essere visibili sul sito dello stesso Istituto ove, viene precisato, “sarà operativo un servizio di sorveglianza”;
Veniva infine chiesto: 1) Se la torre, sede dell’Istituto, è di proprietà Comunale. 2) Se vi è in essere un contratto di affitto o comodato. 3) Se l’installazione delle numerosissime antenne posizionate sulla torre medioevale (vedi foto allegata), hanno avuto le dovute autorizzazioni: Comune, Soprindendenza, etc.. 4) Da chi viene nominato il Presidente dell’Istituto in questione. 5) A quanto ammontino i contributi concessi all’Istituto in questione, negli ultimi dieci anni. 6) Se sia possibile, che gli importantissimi dati rilevati dalla rete sismometrica dalla stazione IGBSG, siano messi in rete in tempo reale, anche attraverso un link sul sito del nostro Comune

VISTO Che:
dalla risposta scritta, ricevuta l’8 agosto, da parte degli Assessorati competenti: Ecologia, Ambiente ed Innovazione – Opere e Lavori Pubblici, ho potuto rilevare che: 1) La torre “Specola” del Castello è di proprietà del nostro Comune. 2) Attualmente non c’è alcun contratto d’affitto o di comodato per l’utilizzo dei locali da parte dell’Istituto di Geofisica e Bioclimatologia Sperimentale del Garda 3) Le antenne attualmente localizzate sulla Specola, che sono state installate nel tempo, non hanno mai avuto specifica autorizzazione; ma con i lavori di ristrutturazione della specola, inseriti nel prgetto del 2° stralcio del castello in via di ultimazione), è previsto un riordino generale delle antenne con lo spostamento di gran parte delle stesse in altra collocazione meno impattante.
(vedi risposta allegata)

VISTO INOLTRE
Che il posizionamento abusivo di tali impianti tecnologici è stato effettuato ABUSIVAMENTE, su un monumento storico del XXII° secolo, tutelato da vincoli specifici

CHIEDE
Se questo modo di operare, verrà in futuro esteso anche a tutti in nostri concittadini che, trovandosi in una situazione di abuso edilizio, potranno scegliere tra la sanatoria, il ripristino oppure di dilazionare gli abusi alla prossima ristrutturazione e se la stessa procedura verrà comunicata anche alla Soprintendenza competente.

Cordiali saluti,
Il Consigliere Comunale Rino Polloni

Si consiglia anche la lettura di L’osservatorio della “Specola” cosa è e cosa fa: fondato a Desenzano dal 1883, svolge una preziosa attività per la comunità scientifica.

Leave a Comment

Powered by WordPress | Deadline Theme : An AWESEM design