Passaggio in Valle Aurina: un ponte con il lago di Garda

valle aurina 1

Un viaggio, vicino e lontano, nel cuore dell’Ahrntal o meglio Valle Aurina, alla scoperta della sua storia e delle sue tradizioni, quasi una sorta di ‘Terra di Mezzo’ tra l’Italia e l’Europa, tra il presente padano e le antiche frazioni della Mitteleuropa. Una delle valli più incontaminate di tutto l’Alto Adige, in piena Val Pusterla, circondata da oltre 80 montagne che superano i 3000 metri d’altitudine, raccontata con ironia e passione in ‘Passaggio in Valle Aurina’, piccolo volume a firma di Mariateresa Martini (edizioni Museo Provinciale delle Miniere//Sudtiroler Bergbaummuseum, 30 pag. con fotografie, 5 euro) che è stato presentato in anteprima assoluta sul lago di Garda, lo scorso 17 luglio negli spazi della sala consiliare del Comune di Moniga, quasi a voler farsi ponte immaginario tra l’Alto Garda e il suo proiettarsi trentino e il lago più ‘basso’, quello che si lancia invece verso la pianura e le metropoli venete e lombarde.

Un pomeriggio in cui a farla da padroni per una volta sono stati i bambini, i ragazzi del Grest protagonisti attivi e partecipi di una piccola lettura collettiva, pronti anche ad incuriosirsi e perché no ad innamorarsi dell’Aurino e della sua Valle, delle storie segrete e nascoste di quelle maestose montagne, dei cunicoli e delle grotte che accompagnano la storica miniera di St.Ignaz o il suo adiacente Museo Minerario.

“Passaggio in Valle Aurina non è un semplice racconto di viaggio – ha spiegato Josef Pahl, direttore del Museo Provinciale delle Miniere d’Alto Adige – ma una vera e propria dichiarazione d’amore per questa valle, per la sua storia e per le sue tradizioni, per la sua antica miniera di rame che costituisce uno dei suoi ‘motivi originari’. Ci dà modo di conoscere la nostra valle attraverso gli occhi di una viaggiatrice attenta e interessata, che ci fa scoprire aspetti e punti di vista diversi da quelli per noi consueti, e che quindi ci arricchisce”.

Leave a Comment

Powered by WordPress | Deadline Theme : An AWESEM design