Quando si dice una «gran vacca»: la reginetta delle mucche viene da Sale Marasino

IMG_3019--

Si chiama Pasquina ed arriva dall’allevamento Bonardi di Sale Marasino la Reginetta dell’Asta dei bovini di razza bruna di Edolo, svoltasi nei giorni scorsi nel centro camuno con l’organizzazione dell’Apa di Brescia e la collaborazione della cooperativa carni Cobreca.

Un appuntamento profondamente radicato nella tradizione della zootecnia bresciana, sul quale però pesano le ripercussioni del difficile momento congiunturale: i capi presentati in asta erano solo 32, venduti all’80%.

“Fino a una quindicina di anni fa era normale avere in asta almeno un centinaio di animali – racconta il presidente Apa Germano Pè – La percentuale dei capi venduti è stata soddisfacente, ma i prezzi spuntati, per quanto accettabili, sono ormai fermi da anni e quindi non possono certo essere definiti entusiasmanti. E’ un quadro dal quale emergono chiari sintomi di difficoltà per gli allevamenti di montagna, che accusano una riduzione costante: la tenacia degli operatori di queste aree difficili non viene mai meno, ma occorre venga garantito un giusto sostegno a queste attività, che sono importanti anche per la salvaguardia del tanto apprezzato ambiente montano”.

Fra le migliori giovenche è stata premiata anche la “vice reginetta” Melba dell’allevamento Cicci Anna in Mossini di Monno, mentre il riconoscimento “Memorial Minelli -  Premio fedeltà alla montagna” è andato a Bruno Freddi, stimato allevatore della Valle Sabbia.

Leave a Comment

Powered by WordPress | Deadline Theme : An AWESEM design