Garda Uno: investimenti da 115 milioni, e un bacino da 300mila abitanti

AssembleaGardaUno 24genn2014

L´assemblea dei soci di Garda Uno ha consacrato la sua linea «programmatica e strategica» per il prossimo triennio. Tra i punti all´ordine del giorno, e su tutti la «necessità condivisa», così come l´hanno definita Mario Bocchio (sindaco di Lonato e Amministratore unico) e Rosa Leso (sindaco di Desenzano e presidente), di «migliorare la qualità delle acque, anche attraverso il potenziamento del sistema».

Il tema caldo: collettamento e depurazione. Da tempo se ne discute, del depuratore di Peschiera infrastruttura non più adeguata, modellata su necessità anni ´70. Incremento demografico, esplosione del turismo, infrastrutture datate: fattori che sommati insieme non sono più eludibili. Da qui la «linea Garda Uno», con la scelta di potenziare l´esistente depuratore di Visano, in modo da trasferire buona parte delle utenze rivierasche e dell´hinterland, lasciando al depuratore di Peschiera i soli Comuni di Desenzano e Sirmione.

Potenziamento e ripristino, e non si può non parlare di soldi: un investimento da 115 milioni di euro, e che prevede la copertura del depuratore di Visano fino a 225mila abitanti, con l´installazione di 82 km di nuovi collettori che andrebbero ad aggregarsi ai 93 già esistenti, per 25 Comuni. Una spesa di rilievo, ha spiegato Mario Bocchio. Dunque i conti vanno fatti con il Ministero, e con l´Europa. La sfida diventa allora la creazione di un Ambito ottimale subprovinciale che consideri il Garda e parte dei Comuni della zona est della Bassa Bresciana, come Pontevico o Quinzano: l´espansione come unica strada «per ottenere finanziamenti e maggior potere contrattuale. Una grande rete idrica che coinvolgerà più di 300mila abitanti, di cui Garda Uno sarebbe il «cervello», ma che al momento è solo un progetto, anche se strategico.

Non tutti d´accordo sul grande ambito: 4 i voti contrari, Calvagese, Padenghe Moniga e Salò. Dovute preoccupazioni, spiegano, perché il Garda dovrà dare (per l´acqua ad uso civile) e avere (per l´acqua di ritorno): «Vogliamo garanzie sui livelli del lago, e sulla qualità della sua acqua. Non firmeremo assegni in bianco».

Alessandro Gatta
BresciaOggi

Leave a Comment

Powered by WordPress | Deadline Theme : An AWESEM design