Teatro Alberti (ancora) chiuso, a due mesi dalla stagione estiva

Teatro alberti 01

Saracinesche abbassate e una spessa catena davanti al patio esterno. La grande facciata spenta, con qualche cartellone che annuncia serate che difficilmente si faranno. Si presenta così ai passanti del weekend il Teatro Alberti, storica sala di Desenzano, dove si è diffusa la notizia che il più grande, antico e glorioso locale della città ha chiuso i battenti. Almeno per ora.

SULL´ACCOUNT di Twitter c´è un messaggio che sembra un arrivederci. Ma arrivederci a quando? «Il Teatro Alberti chiude e saluta. Alla prossima stagione…!», c´è scritto. Ancor meno chiarezza dalla pagina Facebook: «Il Teatro Alberti ha concluso la stagione. Chissà, magari è solo un arrivederci a presto». Ma quel «chissà» non suona bene, mentre vocinefaste circolano in città.

Uno «stop» di punto in bianco, nonostante le ultime serate di movida avessero registrato una più che discreta partecipazione, con punte di 400 persone per volta alle giornate danzanti con i deejay di Radio Studio più.
«ANCHE A NOI la notizia è arrivata per vie traverse – commenta a caldo l´assessore comunale al turismo e commercio, Valentino Righetti -: nessuna comunicazione di cessazione o interruzione dell´attività è pervenuta al Comune. Forse solo una fase di “passaggio”: stiamo cercando di capirlo».

Insomma, quasi si spera che qualcuno all´improvviso renda noto che si tratta solo un «cambio» temporaneo, di gestione o di formula. Ma le indiscrezioni di tanti «addetti ai lavori» sono all´insegna del pessimismo. Ma perchè tanto clamore? Perchè l´Alberti non è un locale come tutti gli altri. Teatro comunale fino agli anni ´50, con tanto di palchetti progettati dagli architetti Perego e Sanquirico della Scala di Milano (poi smontati e dispersi), fu quindi fino a tutti gli anni ´90 il più importante cinema-teatro della città. Quindi music-hall con ristorante, ma pur sempre la “sala” più importante di Desenzano. Tutti vogliano sapere che cosa ne sarà.

Alessandro Gatta
BresciaOggi

Leave a Comment

Powered by WordPress | Deadline Theme : An AWESEM design